Accedi

Con una nota congiunta, gli Ordini delle Professioni Infermieristiche della Sicilia, chiedono a gran voce un incontro urgente con l'Assessore alla salute del Governo Musumeci, Ruggero Razza, per la risoluzione di alcune criticità già segnalate ed non ancora risolte.

“Le richieste rappresentate nei mesi scorsi all’assessore al ramo - scrivono attraverso una nota - con estrema determinazione da parte dei presidenti degli Ordini provinciali, necessitano di essere esitate, seguendo una tabella di marcia ben precisa, calendarizzata”. I presidenti degli ordini delle 9 province siciliane sono pronti ad intraprendere azioni di protesta, con il rinforzo delle organizzazioni sindacali, qualora non venissero ascoltati il prima possibile.

Tra le priorità d’intervento stilano il seguente elenco:

1. Sicurezza e qualità delle cure e pertanto rivisitazioni dei coefficienti per l’attribuzione del personale sia nel pubblico che nel privato accreditato;

2. Assistenza infermieristica in età pediatrica;

3. Attività infermieristica Ambulatoriale e Unità Operative a gestione infermieristica;

4. Organizzazione del lavoro UOS/UOC senza posti letto – Servizio Infermieristico (cod. SX 28).