Accedi

Il tempo impiegato dagli infermieri per cambiarsi gli abiti e prendere le consegne, all’incirca 20 minuti complessivi, va retribuito a parte: a confermare l’orientamento è la Cassazione secondo la quale “per le funzioni che è chiamata ad assolvere lo scambio di consegne va considerato, di per sé stesso, meritevole di ricompensa economica” sottolineando che in questo modo si è inteso “imprimere a tale attività una nuova rilevanza, accrescendo la dignità giuridica della regola deontologica della continuità assistenziale.

” A renderlo noto è la segreteria territoriale di Nursind Pescara dopo il deposito, lo scorso 22 novembre, dell’ordinanza della Corte di Cassazione n. 27799/2017 che si è espressa in merito alla censura dell’Asl di Pescara avverso la sentenza della Corte d’Appello dell’Aquila che riconosceva al segretario territoriale Nursind, Antonio Argentini, il diritto a vedersi riconosciuti economicamente 10 minuti prima e dopo il turno di lavoro (20 minuti) per la vestizione/svestizione e le consegne.