Accedi
  • Nessun messaggio da mostrare.

Una strana notizia, riportata da Coinanews.it, fa riflettere su quanto i social e i programmi di messaggistica/chat come WhatsApp siano oramai entrati a far parte della nostra vita professionale. Anche se forse, in questo, si è un po’ esagerato. E a farne le spese è stato un infermiere.

Leggi tutto...

“Sono fortunato perché faccio uno dei lavori più belli del mondo. Purtroppo, però, lo faccio in un paese che sottovaluta la mia professione”. Antonio Torella, 33enne di San Nicandro Garganico, in provincia di Foggia, nato in Francia ma vissuto fin da piccolo nella provincia pugliese, è uno dei 450mila infermieri che formano la spina dorsale del sistema sanitario italiano. Non solo, è anche professore a contratto all’Università di Bologna, dove si è laureato e dove dal 2008 lavora nel trauma center dell’ospedale. Un percorso soddisfacente. Eppure Antonio dopo qualche anno a contatto con il sistema Italia sente che qualcosa non va.

Leggi tutto...

Le farmacie di Asti avranno una nuova figura professionale al servizio della salute dei clienti: l’infermiere dietro al bancone.

Leggi tutto...

 Quattro infermieri professionali sono indagati dalla Procura di Pavia con l’accusa di aver somministrato farmaci non prescritti ad anziani ricoverati in una casa di riposo del Pavese, i Pii Istituti Unificati di Belgioioso (Pavia). A darne notizia è il quotidiano «La Provincia pavese». Secondo quanto è emerso dalle indagini i quattro infermieri (due soli dei quali lavorano ancora nella struttura) avrebbero dato agli anziani dei sedativi, per garantirsi così turni notturni più tranquilli.

Leggi tutto...

 Una battuta. Qualche pettegolezzo ospedaliero. Chissà perché ridevano queste infermiere al cospetto di un paziente agli sgoccioli. Cosa le divertiva tanto da ignorare un'agonia di cui - neppure per umanità ma per lavoro - si dovevano occupare. Lo hanno ovviamente dimenticato. Non hanno invece dimenticato, perché perciò sono finite in tribunale, la penosa morte di James Dempsey, 89 anni, veterano della Seconda Guerra Mondiale, ricoverato al Northeast Atlanta Health and Rehabilitation in Georgia, Stati Uniti.

Leggi tutto...

Il tempo impiegato dagli infermieri per cambiarsi gli abiti e prendere le consegne, all’incirca 20 minuti complessivi, va retribuito a parte: a confermare l’orientamento è la Cassazione secondo la quale “per le funzioni che è chiamata ad assolvere lo scambio di consegne va considerato, di per sé stesso, meritevole di ricompensa economica” sottolineando che in questo modo si è inteso “imprimere a tale attività una nuova rilevanza, accrescendo la dignità giuridica della regola deontologica della continuità assistenziale.

Leggi tutto...

CATANIA. Due infermieri del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Garibaldi Nesima di Catania sarebbero stati trasferiti dai vertici dell’azienda sanitaria in un altro reparto dello stesso nosocomio su richiesta delle pazienti, che preferirebbero essere assistite da personale di sesso femminile.

Leggi tutto...

Potrebbe essere responsabile di oltre 100 omicidi Niels Hogel, l'infermiere tedesco già condannato all'ergastolo nel 2015 per aver ucciso o tentato di uccidere sei pazienti con iniezioni letali.

Leggi tutto...

Qualche settimana fa, ha destato grande scalpore la notizia dello scambio di neonati avvenuto presso la clinica Malzoni di Avellino; adesso, dopo la sospensione delle infermiere responsabili dell'accaduto, arriva anche il licenziamento da parte della struttura, che le ha considerate pienamente responsabili dello scambio delle neonate.

Leggi tutto...